NETWORK

La Pizza Napoletana Patrimonio dell’Umanita’

“L’arte del pizzaiolo napoletano è patrimonio culturale dell’Umanità Unesco”. Lo annuncia il Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina.

L’iniziativa era partita due anni fa in occasione del Campionato Mondiale della Pizza a Param e si inseriva in una lunga serie di negoziati internazionali. Finalmente, a Jeju, in Corea del Sud, voto unanime del Comitato di governo dell’Unesco per l’unica candidatura italiana, riconoscendo che la creatività alimentare della comunità napoletana è unica al mondo.
Il know-how culinario legato alla produzione della pizza, che comprende gesti, canzoni, espressioni visuali, gergo locale, capacità di maneggiare l’impasto della pizza, esibirsi e condividere è un indiscutibile patrimonio culturale. I pizzaioli e i loro ospiti si impegnano in un rito sociale, il cui bancone e il forno fungono da “palcoscenico” durante il processo di produzione della pizza. Ciò si verifica in un’atmosfera conviviale che comporta scambi costanti con gli ospiti.
Per festeggiare questa storica decisione e’ stata organizzata a Napoli una serata che celebra la Pizza Napoletana alla presenza dei Campioni del Mondo di Pizza Napoletana e di numerose istituzioni partenopee.

Massimo Puggina, presidente di Pizza e Pasta Italiana promotore del Campionato Mondiale della Pizza ha dichiarato: “Sono orgoglioso del successo per il riconoscimento ottenuto dall’UNESCO per “L’arte del Pizzaiuolo” come patrimonio dell’umanità dove il pizzaiolo è l’attore in un palcoscenico fatto di bancone e forno. Un successo per Napoli e per la capacità espressiva del pizzaiolo napoletano, ma un orgoglio per tutta la categoria di professionisti del settore. Dal palco della pizzeria invito quindi “l’attore” pizzaiolo al palcoscenico internazionale del 27° Campionato Mondiale della Pizza che si svolgerà a Parma il 9-10-11 aprile, dove la pizza Napoletana ha la sua specifica categoria, con un stringente controllo delle regole dettate da capitolato della STG (specialità territoriale garantita) e dove il riconoscimento ottenuto dall’Unesco verrà particolarmente evidenziato.
Il pizzaiolo quindi come attore, ma anche e sopratutto un professionista.”

Presenti all’evento celebrativo:
Antonio Pace, presidente Associazione Verace Pizza Napoletana
“Fare la pizza è sempre stata un’arte. Era un mestiere, oggi professione. Un riconoscimento maggiore di quello dell’Unesco non si sarebbe potuto ottenere. Ora non si devono vanificare gli sforzi compiuti. Quando nel 1989 abbiamo scritto il disciplinare della pizza lo abbiamo fatto con i docenti dell’Università Federico II. Quello che conta non è che un pizzaiuolo sia napoletano di nascita ma che usi il “metodo napoletano” per fare la pizza”.
Antonio Starita, Unione Pizzerie Storiche – Le Centenarie
Luigi de Magistris, sindaco di Napoli
“Sono orgoglioso. Questa è una vittoria per le associazioni, i cittadini, e non solo per quanti apprezzano l’arte della pizza ma per Napoli. E’ un traguardo che denota un senso di appartenenza perché, grazie a noi napoletani, si parla di tante ricchezze, di competenza, di qualità. Viva Napoli, viva la pizza”.
Franco Alfieri, Capo Segreteria Politica del presidente Vincenzo De Luca
Giuseppe Oliviero, vice presidente nazionale Cna
Bartolomeo Amidei, senatore primo firmatario proposta di legge per l’istituzione dell’albo professionale dei pizzaioli

 

9-10-11 aprile, ritorna a Parma “Il Campionato Mondiale della Pizza”

 

La 27á edizione del Campionato Mondiale della Pizza ritorna a Parma, dal 9 all’11 aprile 2018. La più importante manifestazione dedicata al piatto italiano più apprezzato nel mondo ritorna nel cuore della Food Valley italiana, cuore delle eccellenze agroalimentari del bel paese, che mai come in questi anni hanno riscosso importanti successi internazionali.

 

Un anno speciale questo, che vive dello straordinario entusiasmo di tutto il comparto per il recentissimo riconoscimento dell’Arte del Pizzaiuolo come Patrimonio Immateriale dell’umanità da parte dell’Unesco.

Quale migliore palcoscenico per tutti i professionisti del mondo se non la 27° edizione del Campionato Mondiale della Pizza?

 

Un’edizione caratterizzata come sempre dall’internazionalità, con diverse tappe di avvicinamento in tutto il mondo, da Melbourne, dove si sono svolte le pre selezioni australiane del Campionato Mondiale della Pizza, Città del Messico patrocinando il Campionato di Pizza Messicano organizzato dalla Camera di Commercio Italiana, a Mosca durante il Pir, a Bochum in Germania, cui seguiranno i prossimi appuntamenti Oltralpe a Marsiglia durante Food in Sud, ad Amburgo durante la prestigiosa  Internorga, a Shangai – in occasione del Salone Intenazionale Hotelex, dal 28 al 31 marzo – in Scandinavia per la Pizza Mastercup.

 

Attesi più di 715 concorrenti provenienti da tutto il mondo, migliaia di visitatori e, soprattutto, centinaia di pizze sfornate dalle numerose postazioni di cottura messe a disposizione per i partecipanti.

Il Campionato Mondiale della Pizza rientra nella storia delle manifestazioni culinarie italiane. Dal 1989 ad oggi la manifestazione ha attraversato letteralmente le mode, gli stili e le tendenze della cucina e non solo, esaltando un piatto sempre più protagonista della cultura alimentare italiana e mondiale.

 

Programma della manifestazione:

 

Lunedì 9 aprile

Dalle ore 9.00 apertura della Segreteria presso il Palacassa della Fiera di Parma.

Dalle ore 10.00 inizio di tutte le gare gastronomiche e selezioni per il Trofeo Heinz Beck.

A seguire selezioni per la gara di Stile Libero individuale.

Martedì 10 aprile

Dalle ore 9.00 apertura della Segreteria presso il Palacassa della Fiera di Parma.

Dalle ore 10.00 inizio di tutte le gare gastronomiche e selezioni per il Trofeo Heinz Beck.

A seguire selezioni per la gara di Stile Libero individuale.

 

Mercoledì 11 aprile

Dalle ore 9.00 apertura della Segreteria presso il Palacassa della Fiera di Parma.

Dalle ore 10.00 gare di Velocità e Larghezza.

Dalle ore 10.00 proseguimento gara di “Pizza a Due” e finale del Trofeo Heinz Beck “I Primi… in Pizzeria”.

A seguire gara di Stile Libero a squadre e finale di Stile Libero individuale.

Dalle ore 19.30 inizio premiazioni e serata di chiusura del Campionato Mondiale della Pizza 2018.

Vuoi restare aggiornato sulle notizie su The Food Magazine? Metti un Mi Piace e condividi con i tuoi amici!

Be the first to comment on "La Pizza Napoletana Patrimonio dell’Umanita’"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*